COP 25: le tre riflessioni verdi di Ursula von der Leyen

COP 25: le tre riflessioni verdi di Ursula von der Leyen

“Tra dieci giorni la Commissione europea presenterà il Green New Deal (Accordo verde) europeo. Il nostro obiettivo è quello di essere il primo continente neutrale dal punto di vista climatico entro il 2050. Se vogliamo raggiungere questo obiettivo, dobbiamo agire ora, dobbiamo attuare le nostre politiche ora, perché sappiamo che questa transizione ha bisogno di un cambiamento generazionale”.
Così Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea ha cominciato il suo discorso alla Conferenza delle Parti della Convenzione delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici (COP25), prevista a Madrid dal 2 dicembre al 13 dicembre.

La Presidente ha poi cominciato a parlare dell’European Green Deal al centro delle prossime politiche della Commissione.
“Tre pensieri. L’European Green Deal è la nuova strategia di crescita dell’Europa. Ridurrà le emissioni, creando al contempo posti di lavoro e migliorando la qualità della vita. Per questo abbiamo bisogno di investimenti! Investimenti nella ricerca, nell’innovazione, nelle tecnologie verdi. Per farcela, realizzeremo un piano di investimenti per l’Europa sostenibile, che sosterrà un trilione di euro di investimenti nel prossimo decennio”.

Non solo. La Presidente annuncia la prima legge europea sul clima: “Secondo pensiero. Solo ciò che viene misurato viene fatto. Pertanto, nel marzo del prossimo anno proporremo la prima legge europea sul clima per rendere irreversibile la transizione verso la neutralità climatica. Ciò includerà l’estensione dello scambio di quote di emissione a tutti i settori interessati, l’energia pulita, a prezzi accessibili e sicura, il rilancio dell’economia circolare, una strategia di farm to farm tok e una strategia per la biodiversità. L’european Green Deal aprirà nuove opportunità in tutti i settori: dai trasporti alla tassazione, dall’alimentazione all’agricoltura, dall’industria alle infrastrutture”.

Non manca un riferimento al Transition Fund e alla Banca europea per gli investimenti prossima ad assumere il ruolo di Banca europea per il Clima: “Terzo pensiero. Questa transizione deve funzionare per tutti o non funzionerà affatto. E con un Fondo di transizione giusta faremo in modo di aiutare coloro che dovranno fare un passo più grande, e lasciare nessuno alle spalle. Il Fondo sfrutterà il denaro pubblico e quello privato, anche con l’aiuto della Banca europea per gli investimenti che si è impegnata a diventare la Banca europea per il clima. Noi europei siamo pronti”.

Ma l’obiettivo secondo Ursula von der Leyen è raggiungere un Global Green Deal: “Se ci muoviamo insieme, ci muoveremo anche più velocemente, nell’interesse di tutti. Saremo il più ambiziosi possibile durante questi negoziati COP. Siamo pronti a contribuire con il nostro accordo europeo a un Global Green Dealha concluso la Presidente.
Source: INSIC

Comments for this post are closed.